Stampe

Dietro di noi un deserto digitale, un altro Medioevo. Se tenete a una foto, stampatela

Vint Cerf

Vint Cerf

Emanuela Marino

Il nostro tempo può essere definito come un nuovo Medioevo, un’epoca quasi inaccessibile alla storia, un era dove l’immagine così come la si conosceva ai tempi gloriosi dei greci e dei romani scompariva totalmente.

Questo allarme è ancora più paradossale se a darlo è  il Dottor Vinton “Vint” Cerf, uno dei “padri di internet“, oggi vicepresidente di Google, dove lavora da dieci anni con la carica di “Chief Internet Evangelist” (letteralmente, Evangelista-Capo di Internet).

 Cerf ci mette in guardia sul “buco nero verso cui, inconsapevolmente, dove ogni giorno noi archiviamo i nostri ricordi e documenti più cari: testi, fotografie, video che parlano delle nostre vite, ma non solo legati alla nostra vita privata, stiamo anche parlando di  documenti legali, testimonianze, informazioni che per chi – forse tra secoli o millenni – cercherà di capire qualcosa di noi e della nostra storia, si ritroverà con un pugno di mosche in mano, a meno che il concetto di “preservazione digitale” non entri nel nostro uso quotidiano.

La questione, ha spiegato Cerf – nel corso del meeting annuale della American Association for the Advancement of Science – è semplice da spiegare: con il continuo aggiornamento  dei sistemi operativi e dei software, i documenti e le immagini salvate con le vecchie tecnologie diventano sempre più inaccessibili. Andando avanti così, nei secoli che verranno, gli storici che vorranno guardare indietro al nostro tempo potrebbero trovarsi davanti a un “deserto digitale” paragonabile al Medioevo, un’epoca di cui sappiamo relativamente poco a causa della scarsità sia di documenti scritti, che quasi eliminazione dell’iconografia.

Quindi utilizziamo al meglio le tecnologie a nostra disposizione, ma facciamo anche si che le migliaia di immagini che ogni giorno produciamo non vadano del dimenticatoio del “Buco Nero”. Impariamo a selezionare e scegliere le migliori per conservare sia per noi che per i posteri. E se proprio non avete tempo, o siete demoralizzati della quantità abnorme che siete riusciti a produrre affidatevi a un professionista del settore, che farà per voi il lavoro sporco, e vi ridarà il meglio dei vostri ricordi, Stampando le vostre foto migliori.